Come funziona la chiaroveggenza?

Cos’è la chiaroveggenza?

La chiaroveggenza è la capacità di conoscere eventi, ancor prima che siano accaduti, attraverso una percezione extrasensoriale. La parola deriva dal francese clairvoyance, “visione chiara”, e questa a sua volta dal latino clarus, “chiaro” e videre, “vedere”. E’ bene non confondere la chiaroveggenza con la divinazione poiché in quest’ultimo caso le conoscenze provengono da una fonte soprannaturale (divinità), mentre nella chiaroveggenza derivano dalla capacità del sensitivo. Chi è dotato di chiaroveggenza viene chiamato veggente.

Come funziona la chiaroveggenza?

Intuizione

Un primo livello di chiaroveggenza è legato all’intuizione, ovvero sentire le situazioni, avere un sesto senso. Le persone intuitive sono in grado di interpretare i segnali in modo da massimizzare la loro possibilità di sopravvivenza.

Sogni premonitori

Un’estensione all’intuizione è rappresento dai sogni premonitori, utili a riconoscere momenti chiave della nostra vita e a prepararla o crearla unificando i pensieri, le speranze e i sentimenti in una unica energia. Tutto ciò accade attraverso la visione in sogno di scene vissute in anticipo.

Veggenza psichica

La veggenza psichica è la messa in relazione tra un veggente, con le onde psichiche della persona che lo interroga. Leggere la vita non vuol dire proiettarsi verso il futuro. Una consulenza con un sensitivo veggente è utile all’analisi della propria vita dall’esterno grazie ad una figura obiettiva che aiuta a prendere coscienza delle proprie aspirazioni.

Chiaroveggenza e ghiandola pineale: qual è il legame?

La chiaroveggenza si espleta attraverso la comunicazione tra la ghiandola pineale (o terzo occhio) e le zone cerebrali dei sensi fisici. Grazie a questa lettura allargata si possono captare le vibrazioni emesse dal corpo di una persona o dall’ambiente. Tutto ciò è possibile solamente se il terzo occhio è attivo, consentendo al veggente di vedere ciò che non è visibile, percependo quel 95% della realtà che gli occhi umani non percepiscono.